Menu
Categories
I cardinali
28 marzo 2015 sfiziepasticci.blogspot.it

Deliziose tortine farcite di crema e chiuse con dei simpatici “cappellini” rossi! Deve essere per questo che si chiamano cardinali, il cono rosso imbevuto di alchermes, ricorda infatti, il copricapo degli alti prelati, i cardinali appunto!

Ingr:
200 gr: di farina
200 gr: di zucchero
2 uova
70 gr: di latte
70 gr: di olio di mais
200 gr. di farina
Scorza di limone grattugiata
1/2 bustina di lievito
Crema pasticcera fatta con:
1/2 litro di latte
50 gr: di farina
120 gr: di zucchero
3 tuorli
Buccia di limone 
Alchermes
Zucchero a velo

Montare bene  le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido e soffice. Sempre continuando a frullare incorporare il latte, l’olio e il limone grattugiato, aggiungere infine, poco per volta, la farina setacciata insieme al lievito, lavorare bene per amalgamare il tutto.
Foderare con gli appositi pirottini di carta uno stampo da muffin (io ho usato questo della Pavoni) e, aiutandosi con un cucchiaio, versarvi l’impasto riempiendoli per circa 3/4, infornare in forno già caldo a 170 per circa 15-20 minuti, fare comunque la prova stecchino.


Nel frattempo preparare la crema pasticcera: Scaldare il latte in un pentolino e unirvi le scorze di limone.
Unire lo zucchero ai tuorli e mescolare bene con una frusta, lavorando per alcuni minuti fino a ottenere una spuma di colore chiaro, unire a questo punto la farina e mescolare bene con la frusta. Se l’impasto diventasse troppo denso, allungarlo con 2 cucchiai di latte freddo, mescolare finché la farina sarà ben incorporata.
Versare il latte già caldo nel pentolino con le uova. Mescolare subito con la frusta per evitare che il latte bollente cuocia i tuorli e formi dei grumi. Quando avremo ottenuto un impasto omogeneo, porre il pentolino su fuoco bassissimo e continuate a mescolare finché la crema si addensa.
Togliere le tortine dal forno e metterle su una gratella a freddare, una volta freddi  scavare al centro di ogni dolcetto con un coltello a punta, inclinandolo in modo da estrarne un piccolo cono di pasta.
Bagnare con un pennello l’interno della tortina con l’alchermes  zuccherato e allungato con un poco di acqua, riempire le “scavo” con la crema, bagnare con l’alchermes anche il cono di pasta e poggiarlo a testa in giù sopra il dolcetto a mo’ di cappello, spolverare con zucchero a velo e lasciarli riposare per qualche ora, il giorno dopo, se riescono ad arrivarci, sono ancora meglio!

Commenti

commenti

Lascia un commento
*